sogni...

Invito...

Sono stata invitata da Oriana a casa di sua mamma. L'appartamento si affacciava sulla piazza della chiesa, molto antica e da poco ristrutturata. Ero in anticipo e ho visitato la chiesa. La ristrutturazione aveva reso la struttura fruibile dai cittadini per varie attività, non solo per la preghiera. Le preziose opere d'arte, statue e dipinti, erano state abbassate perchè tutti potessero ammirarle. Anche il pavimento era impreziosito da decorazioni di artisti contemporanei. Il tutto risultava molto armonioso e la permanenza si è rivelata gradevole. Ad accogliere i visitatori c'era una signora gentile, affacciata a una finestra all'interno della chiesa. Anche la facciata era stata arricchita di nuove opere d'arte, sempre posizionate nella parte bassa e visibili ai passanti. La mamma di Oriana non c'era più e l'invito rivolto a me e ad altri amici era stato accolto con dolce gratitudine. Ci ha accolto in un bel soggiorno luminoso caratterizzato da una parete rivestita di tessuto e dalla presenza di due tavoli. Su uno si trovavano molti pezzi di stoffa di tanti colori e svariate fantasie. Oriana aveva unito le sue stoffe a quelle di sua mamma. Sull'altro tavolo c'era una gran quantità di fiori essiccati variopinti che sembravano freschi. Oriana aveva unito i suoi e quelli della mamma. Mi offrì alcuni di quei fiori. Entrambe tentavamo di avvolgerli in un foglio di carta da lettere per poi infilarli in una busta. I fiori uscivano dal foglio e nella busta non sarebbero mai entrati. Così lasciai i fiori appoggiati sul foglio e sulla busta rassicurando Oriana che nel cestino della mia bicicletta sarebbero stati al sicuro. I fiori erano piccoli e i colori vivaci; uno solo superava in grandezza gli altri, una margherita da giardino, uguale a quelle che ricevevo in regalo da mia mamma il giorno del mio compleanno. Dopo un saluto affettuoso a Oriana, mi sono diretta verso la mia bicicletta non prima di avere cercato, con la solita lieve ansia, la chiave nelle tasche del vestito.


1 ottobre 2021

Post recenti

Mostra tutti

di notte...

Stanotte... “Uhei, uhei, uhei!” Claudio cercava di difendersi dalla mia inconsapevole 'aggressione'. Lo stavo afferrando alla schiena mentre, così mi ha raccontato, mi muovevo gattoni sul letto. Mi so

persone...

Spariti... Per molti anni ho incontrato nei pressi di casa sempre le stesse persone; mi sono accorta da tempo che sono sparite quasi tutte.Vivevano in gran parte nell'imponente condominio che sta all'

persone...

Brividi... Spesso di pomeriggio sento freddo. E' inverno, non c'è niente di strano. Ma le giornate attualmente sono quasi primaverili e qualcosa di strano c'è. Ai primi brividi mi avvolgo in un morbid