sogni...


Oltre la porta... I fiori che la maestra desiderava scoprissi crescevano dietro l'unica porta chiusa della stanza. La aprii e vidi un prato dall'erba altissima; camminavo con difficoltà in quella selva di steli più alti di me. Notai che in alcuni punti l'erba era calpestata e proseguii su quelle orme. Scorsi i fiori indicati dalla maestra e quelli delle piante di fagioli; notai anche molte piccole rose variopinte. Camminai finché ci fu luce; quando si fece buio mi fermai e tornai dalla maestra. Mi informò che oltre quel prato avrei trovato l'abitazione di un vecchio signore che ospitava abitualmente i visitatori. Ritornai sui miei passi e con difficoltà raggiunsi la casa indicata. La porta era aperta su una grande stanza illuminata da numerose finestre. Era arredata con molti letti; ammirai i bellissimi colori delle coperte. Il sole cominciava a tramontare, salutai il gentile signore e tornai dalla maestra. Ho sognato anche un tenero agnellino in braccio a non ricordo chi. Non so se era lo stesso o un altro sogno.

17 gennaio 2020

Post recenti

Mostra tutti

persone...

Cara amica, mi sono chiesta perché dopo tanti anni ti ho cercato. Il tuo incontro con Claudio nel 2016 nei pressi di casa tua forse non è stato fortuito...Mi chiedo spesso perché sono così allegra e

ricordi di scuola...

Compito in classe... In seconda Media fui rimandata in Italiano e in Economia Domestica. Dovetti riparare in settembre quest'ultima materia per un malinteso con la professoressa che interpretò come pr

ricordi di scuola...

Ripetizioni di italiano... Alle Elementari ero un'alunna timida e diligente. Stimavo e rispettavo la mia maestra, brava e severa. Alle Medie ero sempre molto timida ma non sempre diligente... In secon