dalla finestra

Aggiornamento: 16 feb 2019


La motoretta...


La motoretta passava tutte le mattine poco dopo le 5. Aspettavo il suo passaggio e mi alzavo. La consideravo la mia 'sveglia' quotidiana ma non avevo mai guardato fuori per saperne di più.

Circa due mesi fa il rito si è interrotto.

Ho cominciato così ad alzarmi senza il familiare borbottio; scostate le tende guardavo il cielo e la strada. Una mattina, saranno state le cinque e mezzo, ho sentito avvicinarsi la motoretta e sono rimasta ad aspettare. Ho visto per la prima volta dove si fermava e che direzione prendeva dopo aver fatto una breve sosta. Ora continuo a confrontare gli orari sempre diversi della motoretta.

Capita di sentirla arrivare perfino alle sei meno un quarto. Nemmeno a quell'ora è ancora giorno.

Post recenti

Mostra tutti

sogni...

Invito... Sono stata invitata da Oriana a casa di sua mamma. L'appartamento si affacciava sulla piazza della chiesa, molto antica e da poco ristrutturata. Ero in anticipo e ho visitato la chiesa. La r

di notte...

Stanotte... “Uhei, uhei, uhei!” Claudio cercava di difendersi dalla mia inconsapevole 'aggressione'. Lo stavo afferrando alla schiena mentre, così mi ha raccontato, mi muovevo gattoni sul letto. Mi so

persone...

Spariti... Per molti anni ho incontrato nei pressi di casa sempre le stesse persone; mi sono accorta da tempo che sono sparite quasi tutte.Vivevano in gran parte nell'imponente condominio che sta all'