dalla finestra

Aggiornato il: 16 feb 2019


I tre merli...


Un merlo attraversa veloce la strada ed entra nella casa disabitata passando sotto il cancello. Dopo pochi minuti altri due merli raggiungono volando il cortile. Il primo saltella a lungo sul marciapiede, gli altri due svolazzano fra il cortile e la strada passando sopra il cancello. Qui di tanto in tanto si fermano, seguiti dal primo merlo. Appena si avvicina alla coppia, però, viene cacciato a colpi di becco e, dopo ripetuti e vani tentativi, torna a saltellare da solo nel cortile.

I tre merli sono gli unici ospiti saltuari della casa disabitata da parecchi anni. I segni dell'abbandono sono evidenti; le erbacce hanno invaso quasi tutto il cortile e l'edera della siepe striscia ormai sul pubblico marciapiede. La cassetta della posta trabocca di pubblicità stropicciata e scolorita e il cartello 'Vendesi' da due anni è stato ritirato. Di notte, quando soffia il vento forte, si sente cigolare e sbattere il cancello.

Un tempo nella casa viveva un gruppo di anziane signore che ricevevano molte visite, soprattutto di preti e suore. Due volte l'anno si vedeva un camper parcheggiato per alcuni giorni in cortile. Si notava allora un anziano signore che saliva su una scala e tagliava la siepe, mentre una signora raccoglieva a terra le ramaglie. Tutti i pomeriggi, passando sotto le finestre, si sentiva recitare il rosario. Dicevano che una delle anziane signore fosse una 'santona'. Sono morte tutte.

Post recenti

Mostra tutti

di notte...

Stanotte... “Uhei, uhei, uhei!” Claudio cercava di difendersi dalla mia inconsapevole 'aggressione'. Lo stavo afferrando alla schiena mentre, così mi ha raccontato, mi muovevo gattoni sul letto. Mi so

persone...

Spariti... Per molti anni ho incontrato nei pressi di casa sempre le stesse persone; mi sono accorta da tempo che sono sparite quasi tutte.Vivevano in gran parte nell'imponente condominio che sta all'

persone...

Brividi... Spesso di pomeriggio sento freddo. E' inverno, non c'è niente di strano. Ma le giornate attualmente sono quasi primaverili e qualcosa di strano c'è. Ai primi brividi mi avvolgo in un morbid